Disassemblare un mobile antico Capitolo 2

Nel restauro di un mobile una attività da considerare, è quella del disassemblaggio, e purtroppo molto spesso ci troviamo di fronte a pratiche che definirei assassine, per interventi scorretti e probabilmente fatte da persone prive della necessaria competenza.

Queste pratiche provocano seri danni al mobile stesso, e mettono un serio professionista in difficoltà nel individuare collanti inadatti, chiodi o viti inserite nel vano tentativo di tenere unite le giunzioni, in parti che si erano scollate.

Questo comporta una attenzione maggiore nell’analizzare la presenza di viti cavicchi che possono essere più o meno nascosti, ed in parti del mobile non adatte a sostenere quel tipo di intervento.
Quindi, prima di procedere nello smontaggio, onde limitare i danni, collanti chiodi andranno individuati e eliminati.

Si dovranno inoltre esaminare attentamente le giunzioni, le unioni o gli attacchi che tengono uniti i vari pezzi, e la tecnica utilizzata per la lavorazione, in quanto se non facciamo questi preliminari potremmo forzare lo smontaggio in maniera errata provocando ulteriori danni.

Rimuovere la colla

Non sempre è necessario disassemblare completamente un elemento di un mobile, ma lo si fà per un motivo, o perche ad esempio un piano di una scrivania o di un tavolo, o in fianco di un mobile è parzialmente scollato o deformato.

Tipi di colle che possiamo trovare:

Su un mobile antico molto probabilmente ci troviamo di fronte a colla animale a caldo detta anche “cervione” che può essere disciolta utilizzando acqua calda, vapore o alcool, anche per le colle viniliche possiamo utilizzare le stesse procedure, mentre per le colle a solventi ( bostik o similari) è necessario utilizzare solventi chimici.

Per inserirsi negli interstizi presenti tra le superfici da scollare, risultano molto utili delle spatole.

A tal fine, anche 1’utilizzo di comuni siringhe può rivelarsi di una certa utilità, soprattutto se si vuole iniettare il liquido direttamente all’interno di una cavità, ad esempio in un canale o in una mortasa.

Altri articoli

La Doratura con foglia d’oro a Guazzo

La Doratura con foglia d’oro a Guazzo

La doratura a guazzo è una delle varie tecniche di doratura con metalli preziosi, tra tutte, forse la più affascinante; con questa lavorazione è possibile brunire la foglia con la pietra d’agata, in modo da ottenere una superficie lucida e brillante, a specchio. Si...

La professione del restauratore di Mobili

La professione del restauratore di Mobili

La quantità di oggetti in legno in Italia costituisce un prezioso patrimonio artistico che conserva in sé le tracce di un passato da recuperare e valorizzare. Per quanto l’intrinseca essenza dell’arte viene definita eterna, i materiali di realizzazione delle opere,...

Lo stucco come prepararlo

Lo stucco come prepararlo

Innanzitutto, precisiamo che qui ci occuperemo della stuccatura intesa come operazione volta a rendere meno evidenti le imperfezioni della superficie del legno, (fori del tarlo, piccole fessure o scalfiture, etc), distinguendola dalla stesura degli intonachi, quale...

Patrocinio

Corsi organizzati e promossi dalla Associazione C15O e Mondonoe

Per info:

+39 377 6908455

Contattateci nel form in fondo. Fate qualsiasi domanda o richiedete un preventivo gratuito

Oppure chiamami!

+39 377 6908455


Laboratorio

Via Antonio Segni 00043 Ciampino (RM)

Orari di apertura

Dalle ore 8:00 alle ore 18:00

Email

a.panseo@gmail.com

Telefono:

+39 3776908455

Apri la chat
Hai bisogno di aiuto?
Scan the code
Ciao!
Hai bisogno di aiuto?